Close

10 Consigli veloci per educare il tuo cane

Metodo e pazienza per ottenere risultati

L’educazione del proprio cane è un rito di passaggio fondamentale e necessario che nasce al solo scopo di favorire e fortificare la convivenza con l’uomo.

Attraverso una serie di gesti ripetuti, il cane ha la possibilità di imparare alcune regole di condotta, che si riveleranno estremamente utili nei contesti di vita sociale.

Naturalmente, perché tutto ciò diventi realtà, l’attività di educazione del cane deve seguire un procedimento preciso ed oculato, che prenda spunto dai consigli tecnici degli esperti che operano nel settore.

Senza un adeguato supporto, infatti, si corre il rischio di non utilizzare la giusta strategia, generando, di conseguenza, anche la confusione dell’animale.

Il personale qualificato che opera presso l’Allevamento del Cigno Bianco, di Via Santa Maria dei Campi n. 52, a Travagliato (BS), è a completa disposizione di padroni ed amici a quattro zampe, per fornire loro tutta l’assistenza necessaria a portare a termine, con successo, l’intero procedimento educativo.

Vediamo ora quali sono i dieci consigli degli esperti per l’educazione del tuo cane.

  1. Parola d’ordine: motivazione

Il primo importante suggerimento riguarda l’approccio da tenere durante l’attività educativa.

Il cane deve apprendere le regole perché spinto da una forte motivazione, che lo guida nella giusta direzione, fino all’obiettivo.

Studiare esercizi che possano catturare l’attenzione dell’animale con premi e ricompense è infatti il miglior sistema per creare un legame di collaborazione sano e solido.

2. Avere pazienza

È fondamentale, soprattutto con i cuccioli, non permettere alla fretta di essere cattiva consigliera.

Ogni abilità acquisita dal cane richiede tempo e dedizione, perché possa divenire solida e duratura.

Pretendere che l’animale impari tutto in pochissimo tempo è sbagliato e controproducente.

3. L’aiuto di un esperto

Per trovare la giusta chiave di lettura, che spesso non è universale, ma varia da un animale all’altro, è fondamentale, almeno agli inizi, richiedere il supporto di un esperto del settore, che saprà fornire la giusta tecnica per avere una corretta interazione con il cane.

4. Gli spazi

È bene ricordare che ciascun cane, compresi quelli di piccola taglia, ha bisogno dei propri spazi.

Educare significa anche delineare chiaramente un’area che il cane possa sentire come propria, accessibile in ogni momento.

5. Procedere step by step

L’educazione del cane, soprattutto quella che prevede l’inserimento dell’animale nel contesto sociale, deve procedere per gradi.

Come per le passeggiate fuori, ad esempio, è consigliabile iniziare da spazi piccoli e poco affollati, per permettere al cane di abituarsi gradualmente ai cambiamenti e alle nuove regole.

6. Non essere troppo apprensivi

Educare significa dare al cane delle regole, ma anche permettergli di esplorare il mondo e sviluppare le proprie capacità.

L’eccessivo controllo dell’animale, che sfocia in una insensata privazione di alcune libertà, potrebbe, infatti, rivelarsi controproducente per il benessere del nostro amico a quattro zampe.

7. I rimproveri

I rimproveri sono, senza dubbio, un potente strumento educativo, a patto che questi siano giustificati e non eccessivi.

Al contrario, il cane potrebbe perdere fiducia nel padrone o sottovalutare il rimprovero, ignorandone il potere.

8. La corretta gestione del cibo

Molto spesso, si commette l’errore di pensare al cibo come ad una gradita ricompensa per gli sforzi dell’animale.

Al contrario, consegnare al cane degli alimenti ogni volta che sembra desiderarli non farà altro che generare una continua e nociva richiesta, che finirà per nuocere al benessere psicofisico dell’animale.

9. Il rumore

Per educare il cane ed evitare che lo stesso reagisca in modo sbagliato ad alcuni tipi di stress è consigliabile abituare l’animale ai rumori, soprattutto a quei suoni che potrebbe facilmente incontrare nel corso della sua esistenza.

In questo modo, l’abitudine impedirà al cane di avere comportamenti poco gestibili.

10. Il gioco

Il momento del gioco è il tempo migliore per instaurare con il cane un legame solido e di fiducia.

Dedicare all’animale le giuste attenzioni si rivela estremamente produttivo sotto il punto di vista della collaborazione, con un riflesso positivo sulle successive attività educative.

Se hai bisogno di aiuto per l’educazione del tuo cane chiama il numero 392/5252396 e affidati agli esperti dell’Allevamento del Cigno Bianco.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Dal nostro Blog